EasyJet si butta sugli alimentari: aperto a Londra il primo store low cost

Easyfood_Store_LondonDai voli low-cost al cibo low-cost: è l’idea di Haji-Ioannou, leader anglo-greco della nota compagnia aerea Easyjet. Un’idea che oggi diventa realtà, con il primo negozio della catena EasyFood aperto nel nord-ovest di Londra, a Park Royal, la cui strategia è chiarissima: prezzi scontatissimi, con prodotti che – in questa fase iniziale – costano addirittura solo 25 penny, circa 35 centesimi di euro.

“Cibo genuino a prezzi onesti”, spiega il leader del low cost: e da EasyFood si possono trovare prodotti – rigorosamente senza marchio – a prezzi anche 4 volte minori rispetto allo standard dei discount, spesso fermi alla strategia dello 0.99 £. Tè, zucchero, biscotti, frutta sciroppata, Easyfood_Store_London_2pomodoro: da qui parte la sfida dei prezzi bassissimi – anche dopo la fase promozionale non dovrebbero salire oltre la mezza sterlina – destinati a “persone che vivono di assistenza pubblica o fanno lavori a basso salario e part time”. E infatti l’aperura dei nuovi punti vendita è prevista nelle aree a più alta densità di popolazione a basso reddito.

Insomma, Haji-Ioannou rilancia: dopo la compagnia aerea ed i suoi “derivati” in tema di mobilità – EasyBus, EasyCar, EasyHotel – è arrivata prima l’esperienza sportiva con EasyGym, quindi ora questa alimentare, che segue quella parallela, nella ristorazione, con EasyCoffee: una catena di caffetterie in cui la tazza costa un pound, il cui primo “esemplare” è prevista in zona Earl’s Court.