Eataly pronta a sbarcare a Londra: aprirà a Bishopsgate nel 2020

Il patron di Eataly Oscar Farinetti ha annunciato l’apertura di nuove sedi del grande food market  made in Italy in tutto il mondo. Oltre a quelle già previste di Los Angeles, Las Vegas e Mosca, sono previste anche Londra e Parigi.

Aprirà infatti nel 2020 la sua prima sede nel Regno Unito, a Londra, dove avrebbe già firmato un contratto di affitto per un locale di oltre 3.900 metri quadrati al primo piano del 135 di Bishopsgate, in un palazzo che sorge nella zona servita dalla metro di Liverpool Street. Lo riferisce una nota congiunta dell’azienda e di British Land, proprietaria dello stabile.

Con una selezione dei migliori prodotti italiani, ristoranti, bar, quick service, laboratori di produzione a vista e una Scuola di cucina, Eataly si aggiunge alla ricca offerta ristorativa del quartiere. Riunendo le eccellenze italiane di alta qualità offrirà alla clientela cosmopolita della grande metropoli la possibilità di mangiare, comprare e imparare tutto sotto lo stesso tetto.

Nel mondo ci sono 37 Eataly, di cui 22 in Italia, con 157 ristoranti. I visitatori sono 25 milioni l’anno, in dieci anni sono state assunte 5500 persone.

«La decisione di Eataly di aprire a Broadgate è un grande sostegno alla strategia di British Land per creare un quartiere ancora più vivace e internazionale», sottolinea Claire Barber, responsabile di Central London Retail e Meadowhall per British Land. «Insieme all’arrivo della Elizabeth Line quest’anno e di uno spazio commerciale di alta qualità nel 2019 al numero 100 di Liverpool Street — aggiunge — la presenza di Eataly farà di Broadgate una destinazione imperdibile per i londinesi e non solo».