Londra, inglese obbligatorio per le donne musulmane. Pena l’espulsione

Musulmane-donne-londonImparare l’inglese, pena l’espulsione: è questa la misura annunciate dal primo ministro britannico David Cameron come conditio sine qua non imposta alle donne musulmane per restare nel Regno Unito.

Il riferimento è nel dettaglio alle donne arrivate con un visto matrimoniale, valido per cinque anni, che rischiano di non vederselo rinnovare se non dimostreranno di conoscere l’inglese base: per questo è previsto lo stanziamento di un fondo da 26 milioni di euro per consentire alle donne musulmane in Gran Bretagna di imparare l’inglese e sarà introdotto un particolare test, obbligatorio per le donne che vivono nel Paese da almeno due anni e mezzo. La misura sarà attiva dal prossimo ottobre.

L’obiettivo è quello di sostenere l’integrazione e combattere l’estremismo, ponendo un freno alle limitazioni imposte dagli uomini musulmani verso le loro mogli, spesso costrette a restare in casa senza possibilità di integrarsi con la società britannica.