Troppe tasse: Ryanair chiuderà da novembre le tratte tra Londra e Pescara e Alghero

ryanair_London_ItalyCon il nuovo orario invernale 2016-17 – in vigore a partire da fine a ottobre 2016 – le città italiane direttamente collegate con London Stansted da Ryanair passeranno da 20 a 18.

A seguito dell’aumento del carico fiscale in Italia per i vettori aerei, la compagnia irlandese ha infatti scelto di ridurre la propria attività nella penisola, chiudendo le proprie basi a Pescara ed Alghero, che perdono tutti i collegamenti internazionali. L’ultimo volo tra Alghero e Stansted decollerà il 28 ottobre 2016, quello da Pescara il giorno successive: gli aeromobili e il personale oggi impiegato nelle due città (225 persone ad Alghero e 188 a Pescara) saranno spostati altrove.

La diminuzione di voli nelle due città sarà in parte bilanciata da un aumento di traffico su Roma e Milano, con l’inserimento anche di nuove rotte.

La decisione di Ryanair è presa in un affatto celata polemica con il governo italiano che, come recita una nota della compagnia, “ha aumentato le tasse di circa il 40% (da €6,50 a €9) per ciascun passeggero in partenza dall’Italia dal 1°gennaio di quest’anno per sussidiare il fondo per la cassa integrazione degli ex piloti Alitalia. A Ryanair non è stata lasciata altra scelta se non spostare aeromobili e posti di lavoro Ryanair fuori dall’Italia verso altre basi Ryanair in Spagna, Grecia e Portogallo (dove non vengono addebitate tali tasse per passeggero)”